Minoxidil contro la caduta dei capelli

Minoxidil è un farmaco ad uso topico utilizzato per la cura dell’alopecia androgenetica maschile e femminile la cui efficacia è comprovata dal mondo medico.

Si tratta, insieme a Finasteride, del rimedio più utilizzato per contrastare la caduta dei capelli.

Minoxidil nacque come farmaco conto l’ipertensione. I suoi effetti benefici per i capelli furono scoperti verso la fine degli anni ’70, quando tra gli effetti collaterali del farmaco si registrarono casi di ipertricosi.

Minoxidil sotto forma di lozione contro l’alopecia androgenetica è disponibile dal 1988.

Minoxidil agisce diversamente da Finasteride. Non contrasta le cause endocrine della calvizie e, per questo motivo, risulta meno efficace di Finasteride. Gli effetti collaterali del farmaco sono limitati.

 

La Storia del Minoxidil

Il primo studio condotto su Minoxidil per comprenderne l’efficacia contro la caduta dei capelli fu condotto nel 1984. Numerosi altri studi furono realizzati in tutto il mondo.

La FDA (Food and Drugs Administration) approvò il farmaco per gli Stati Uniti nel 1988 e il Ministero della Salute italiano lo fece nel 1990.

 

Cos’è Minoxidil?

Minoxidil è un derivato pirimidinico (2,4-diamino-6 piperidinopirimidino-3 ossido) con capacità antiipertensive. È in grado di favorire la dilatazione dei vasi sanguigni.

 

Come agisce Minoxidil?

Tutt’ora non si conosce il meccanismo d’azione di Minoxidil nei confronti dei follicoli piliferi.

Il farmaco, a differenza di Finasteride, non inibisce l’enzima 5-alfa-reduttasi, responsabile della sintesi del testosterone in diidrotestosterone (DHT), ormone androgeno che causa il processo di miniaturizzazione dei capelli. Per questo motivo, la sua azione influenza anche i follicoli di aree non intaccate dall’azione degli androgeni.

Data la sua capacità vasodilatatoria, Minoxidil aumenta il flusso ematico ai follicoli.

Alcuni studi hanno inoltre dimostrato che Minoxidil aumenti la sopravvivenza delle cellule, aumentando la proliferazione della papilla dermica e irrobustendo i follicoli.

Sembra che Minoxidil sia in grado di aprire i canali intracellulari del potassio, incrementando e migliorando la crescita follicolare.

La fase telogen (fase di riposo) si accorcia e il follicolo entra prima del tempo in fase anagen (fase di crescita).

Le cellule del follicolo sono protette dalla prostaglandina E2, la cui sintesi è stimolata dal farmaco. Minoxidil svolge anche un’importante funzione antifibrotica poiché rallenta la sintesi del collagene.

Per riassumere, Minoxidil influenza positivamente il flusso ematico, la crescita cellulare e follicolare e riduce i processi infiammatori.

 

Minoxidil è in grado di agire sui follicoli miniaturizzati?

Minoxidil è in grado di apportare benefici ai follicoli sani e su quelli parzialmente miniaturizzati, ma non sui follicoli ormai del tutto miniaturizzati che danno origine a capelli vellus.

I follicoli “recuperabili” vedono un ispessimento dei capelli. In questo modo, la massa generale del cuoio capelluto aumenta.

 

Modalità d’uso

Perché Minoxidil sia efficace contro la calvizie, deve essere utilizzato per via topica. Il prodotto è disponibile sotto forma di schiuma o soluzione da applicare direttamente sul cuoio capelluto.

Minoxidil è prodotto in concentrazioni del 2% o del 5%. Il prodotto deve essere applicato uniformemente sulla cute asciutta e lasciato evaporare per due volte al giorno.

Gli esperti consigliano di non lavare i capelli per almeno 4 ore dopo l’applicazione.

Sono necessari almeno 4 mesi di cura per osservare gli effetti benefici desiderati.

La sua efficacia è strettamente legata all’utilizzo del prodotto e si interrompe con la sospensione della terapia.

 

L’inizio della terapia provoca una caduta di capelli?

I casi registrati sono sporadici, tuttavia può registrarsi un telogen effluvium durante i primi mesi di applicazione di Minoxidil.

Si tratta, in realtà, di una prova dell’efficacia del farmaco che si libera dei capelli in fase telogen per poi allungare la fase anagen.

Può essere associato a Finasteride?

Sì, i due farmaci agiscono con modalità diverse sui follicoli piliferi. Tuttavia, gli esperti consigliano generalmente di cominciare con l’assunzione di un solo farmaco in modo da osservarne l’efficacia nel lungo periodo.

Può essere utilizzato anche da chi si sottopone a un trapianto di capelli?

Sì. A livello internazionale, moltissimi chirurghi consigliano ai pazienti di associare il trapianto di capelli all’applicazione di Minoxidil.

È opportuno interrompere l’applicazione 3 giorni prima del trapianto ed evitarla per le prime due settimane successive al trattamento, o seguire le precise indicazioni del chirurgo cui ci si rivolge per la chirurgia.

 

Lascia un commento